X

Informazioni di attualità su casi cliente, tendenze e best practice del mercato retail, tutto in italiano

La pianificazione delle location dovrebbe rappresentare la linea guida da seguire per le riaperture dei negozi

Patrick Bohannon
Vice President Retail Strategy at Oracle Corporation Retail Global Business Unit

In questo momento, commercianti, CFO e CEO sono alle prese con parecchie domande: “Quando potrò riaprire i negozi?”, “Quali dovrei aprire prima?” e “Quale assortimento di prodotti devo mettere in ogni negozio?” Per le risposte, i retailer devono concentrarsi sulla progettazione dettagliata delle location planning che includa sia un assortimento di prodotti che programmi di vendite settimanali. Con i negozi chiusi e un abbondante inventario accatastato, una progettazione dettagliata dei luoghi può fornire ai responsabili retailer la capacità e l’agilità di reagire regione per regione comprendendo meglio il loro impatto decisionale.

Le gerarchie geografiche da regione a stato non guidano i sistemi dei retailer a livello del negozio; essi sono invece guidati dai programmi di distribuzione CD-negozio, che spesso attraversano i confini di stato e regione. Questi programmi necessiteranno di capacità per adattarsi rapidamente ai nuovi percorsi di distribuzione per i negozi e i loro programmi di apertura settimanale.  

Come con qualsiasi apertura prevista, esiste un rischio relativo al costo operativo del negozio rispetto alle vendite se la data di apertura non viene rispettata. La progettazione del luogo è necessaria per aiutare la gestione a capire i cambiamenti di programma fuori dal loro controllo. Il CFO ha bisogno di capire le carenze che si andranno a creare quando i negozi non potranno aprire come pianificato e quando esisteranno le opportunità per realizzare le vendite e margini lordi riorientando lo stock. 

Solitamente, i retailer esaminavano gli scontrini in entrata e lo storico delle recenti vendite per creare i flussi di inventario e le pianificazioni di vendita. Con la chiusura dei negozi, tuttavia, non è possibile visionare uno storico recente; non esiste una direzione guida dell’attività. Il solo modo per prendere una decisione consapevole è tramite una progettazione del luogo insieme alla scienza dei dati e alle analisi, basandosi su un insieme ottimale e regolato di dati di riferimento. Questo uso avanzato della scienza retail offre ai retailer la fiducia di procedere con la pianificazione. 

Ovviamente, questa analisi dovrebbe includere le vendite attraverso i canali digitali. Tuttavia, per i retailer le cui vendite sono improvvisamente passate dal negozio al solo digitale, l’assortimento del prodotto è quasi sicuramente cambiato. Pertanto, può rivelarsi pericoloso di utilizzare il solo assortimento prodotto digitale per riaprire i negozi

Grazie all’ottimizzazione dello storico, una soluzione di piattaforma per la  pianificazione del retail moderno  permette di analizzare e correggere i dati relativi ad anomalie storiche dovute alle chiusure del negozio e del magazzino al fine di garantire che le basi delle progettazioni del luogo siano accurate e affidabili. 

Oggi più che mai, la flessibilità è di primaria importanza, e il successo dipende dal trovare modi creativi per velocizzare il flusso di cassa e il ripristino del margine lordo sull’investimento. Un piano realizzabile concentrandosi completamente sul ripristino del margine lordo sull’investimento (GMROI) per aiutare a definire il modo migliore per gestire l’inventario in eccesso è essenziale. Modificare la strategia di luogo può aiutare a determinare dove devono essere focalizzate le esigenze di inventario per garantire che i prodotti si trovino nei negozi giusti quando i retailer saranno pronti a riaprirne le porte.  

Visiona questo webcast sulla pianificazione on demand per ulteriori consigli

Be the first to comment

Comments ( 0 )
Please enter your name.Please provide a valid email address.Please enter a comment.CAPTCHA challenge response provided was incorrect. Please try again.