martedì giu 23, 2015

Alla ricerca di un Happy Welfare

Innovazione e Pubblica Amministrazione. No, queste due parole non sono sempre in contraddizione anche quando Pubblica Amministrazione significa ente previdenziale. E’ possibile innovare anche in quel contesto!

In quest’ambito del settore pubblico si sta compiendo una profonda trasformazione.

Durante un evento a Milano, ho avuto l’opportunità di ascoltare il primo intervento ufficiale di Massimo Cioffi, appena nominato direttore generale dell'INPS. L'INPS è tra i più grandi e complessi ente previdenziale in Europa e, come noto, gestisce la quasi totalità delle pensioni italiane. Il Dottor Cioffi, ex Manager ENEL, ha la missione di guidare un progetto di trasformazione complesso all'interno di questa grande istituzione. Una bella sfida, il suo compito e la sua ambizione è quella di cambiare il modello delle relazioni tra l'INPS e i suoi utenti.

Questa necessità di ripensare l'interazione tra l'ente previdenziale e i suoi utenti non è una specificità italiana.

Nel Regno Unito, in Francia, in Italia e in Belgio, due denominatori comuni spingono queste istituzioni a trasformarsi: la riduzione dei costi e l’adattamento dei servizi alle esigenze degli utenti.

Infatti, i costi della previdenza sociale sono enormi per lo Stato: il 22% del PIL per la Francia, il 17,9% * per l’Italia, 16,1% per il Regno Unito, il 13% per la Spagna, con una media del 20% nell'UE 25. In un contesto economico complesso, il controllo dei costi della previdenza sociale è dunque diventato un imperativo in molti paesi europei. Il welfare state è stato promosso in una logica di equità sociale in un contesto economico e geopolitico ben diverso da quello attuale: dopo la guerra, nel Regno Unito, in Belgio e Francia, negli anni '30 in Italia. Il posizionamento e il funzionamento degli enti previdenziali devono essere ristrutturati per stare al passo con le nuove sfide.

E' ragionevole dire che il primo obiettivo di riduzione dei costi è un’opportunità per trasformare profondamente queste istituzioni ma bisogna andare oltre. La personalizzazione dei servizi, l'accesso alle informazioni, e la semplicità sono caratteristiche comuni dei nuovi modelli di business come Airbnb, Facebook, o Uber. Caratteristiche pienamente integrate dalla società dei consumi e sono sempre più integrate nel settore privato. Anche il pubblico deve trarre ispirazione da quei contesti per raggiungere i propri obiettivi di efficienza ma anche per ridurre il divario digitale.

Non è questione di trasformare agenzie statali in nuove start-up californiane, ma si tratta di introdurre un caposaldo: l'individuo deve essere al centro del dispositivo. E questo Cioffi lo ha capito bene. Per l’INPS, vuole creare una nuova mappatura di ruoli, adeguata alle aspettative dei cittadini; una trasformazione basata sulla professionalità dei dipendenti che deve tendere a una sempre maggior soddisfazione dei cittadini. Quest’approccio è nuovo. La cultura del risultato ci proviene dal mondo del privato e in questo contesto, la riduzione dei costi e l’ottimizzazione delle attività imposta per esigenze di bilancio, diventa essenziale.

La situazione che affronta Cioffi è molto simile a quella vissuta dalla Francia: l'ente di previdenza sociale deve essere "ripensato dall'organizzazione di un processo generatore di valore per i beneficiari", secondo Les Echos.  « La secu” come la chiamano i francesi pensa al lean management, ai contributi del digital, alla collaborazione, all’informazione bottom-up del suo personale. In breve, una trasformazione è necessaria per la costruzione di una nuova struttura in cui i beneficiari sono al centro.

Nel Regno Unito, la previdenza sociale è stata una delle questioni essenziali nelle recenti elezioni. "Il National Healthcare Service è come i gioielli della corona, non si tocca! «  ha scritto Le Parisien. La situazione non è facile nel Regno Unito, dove il deficit del NHS è in crisi da decenni. Anche grandi cambiamenti sono necessari per ristabilire un livello di servizio che si è deteriorato progressivamente negli anni.

Il people centric, l’ottimizzazione dei processi entrano nella pubblica amministrazione. L'esempio della previdenza sociale belga che ha creato la posizione di Chief Happiness Officer ci dimostra questa strategia del people centric. Focus RH ci presenta Laurence Vahnée, Chief Happiness Officer presso il Ministero della previdenza sociale belga. Spiega come la trasformazione dell'organizzazione ha incrementato la motivazione e l'engagement dei dipendenti. La signora Vahnée ci parla di agilità, di engagement, di trasformazione, e di valori. Abbiamo quasi dimenticato che il contesto è pubblico. Questa trasformazione ha anche migliorato i problemi di prestazioni e le questioni finanziarie. Troviamo anche lì l'ambizione del risultato, mettendo in discussione le aspettative degli utenti e il ruolo dei dipendenti. The cherry on the cake, il ministero è stato riconosciuto Great place to work da due gruppi editoriali.

"La sfida è quella di far capire allo Stato che non si gestisce un ente previdenziale, come ad esempio un dipartimento o un municipio, ma come un fornitore di servizi." dice Massimo Cioffi. La signora Vahné in Belgio sembra essere giunta a un punto interessante della trasformazione dell’ente previdenziale belga. Non ci resta che augurare al Direttore Cioffi e ai suoi omologhi europei di trovare la propria versione del Happy Welfare.

*fonte INSEE

mercoledì giu 03, 2015

Ridefinire il social: non concentrarti sulle app!

La popolarità del termine 'social media' continua a crescere perciò è importante rimarcare che le due parole possono esistere anche l’una senza l’altra, e lo hanno fatto per generazioni. Anche se spudoratamente copiata da un cartello stradale di Denver sulla distrazione alla guida, si tratta di un'indicazione perfetta per iniziare a parlare di social e risorse umane.

Come tutto il resto del mondo, anche le risorse umane hanno ceduto al richiamo delle sirene di strumenti e siti social derivati da internet. Siamo arrivati a considerare “social” esclusivamente il mondo delle app e delle piattaforme online. Ci siamo anche uniti a coloro che diffusamente e costantemente accoppiano le parole “social” e “media,” come se da sole non avessero alcun significato.È sicuramente vero che molti strumenti social media portano un beneficio effettivo alla nostra attività, poiché ampliano la nostra possibilità di accedere a potenziali candidati e forniscono vari percorsi di interazione. Ma esattamente così come Al Gore NON ha inventato internet, quest’ultima NON ha inventato il “social”. Il social o sociale esiste da generazioni, nelle risorse umane e come realtà culturale.

Camere di commercio, circoli di bowling, organizzazioni di ex-alunni, associazioni professionali e commerciali, gruppi filantropici; questi erano (e continuano a essere) sistemi sociali consolidati precedenti al mondo online. La forma online del sociale è semplicemente una manifestazione nuova e più ampia di schemi sociali di lunga data.Perciò, perché è importante che le Direzioni Risorse Umane lo sappiano e se ne rendano conto? Perché, per poter ottimizzare e sfruttare le relazioni social, dobbiamo fare marcia indietro e iniziare a valutare che cosa il termine social significa per le nostre organizzazioni e definire cosa vogliamo ottenere. In una certa misura, forse abbiamo messo il proverbiale carro davanti ai buoi buttandoci nella “mischia” del social online, senza averci pensato sufficientemente. Sono 3 gli aspetti critici che l’azienda deve prendere in considerazione per utilizzare in modo corretto i “social”:

1. Comunità– Il “social” parte da qui. Non esiste social senza comunità. Ed è necessario stabilire in primo luogo quali comunità stiamo cercando di raggiungere e perché. Si tratta del punto di partenza per stabilire i passaggi successivi. A chi interessa e perché? Gruppi interni ed esterni, dipendenti, ex-dipendenti, scuole superiori locali, università e istituti commerciali, società professionali, team di progetto, fornitori, contractor, tirocinanti: queste comunità presentano tutte opportunità uniche di relazione. Sono tutte pertinenti per noi? Quali altre comunità sono ugualmente e più importanti? Cosa speriamo di ottenere da ciascuna… referenze, candidati, idee creative, commenti? Le comunità con cui dobbiamo interfacciarci sono attive online?Le aziende hanno investito energia, tempo e denaro in piattaforme social online popolari, solo per scoprire che i loro principali candidati provengono da fonti completamente diverse. Dobbiamo conoscere il gioco finale prima di iniziare a giocare nel campo del social. In caso contrario potremmo trovarci sul campo sbagliato, portando avanti attività che non portano alcun risultato.

2. Comunicazione – Come impostiamo e agevoliamo le comunicazioni verso le comunità in target per arrivare ai risultati desiderati? Cosa cerchiamo ottenere in termini di risposta? Abbiamo bisogno di essere presenti sul campo e di interagire di persona per creare delle relazioni o possiamo essere più efficaci online? Se online, quali strumenti specifici permetteranno di accedere in modo efficace alle comunità che desideriamo? La comunicazione è diversa per ogni canale o aspiriamo a un look and feel comune? Qual è il ritmo della comunicazione per trovare il giusto equilibrio e non stressare le proprie comunità? Costruire strategie di comunicazione attente e rilevanti per gruppi diversi è parte integrante di iniziative social di successo.

3. Collaborazione- Social significa molto più di app e icone focalizzate sulle assunzioni. Una spinta importante nelle attività social oggi è la collaborazione condivisa. Le aziende stanno ottenendo notevoli benefici, consentendo e favorendo l'interazione sociale (di solito online) all'interno e tra i team dei dipendenti, ed esternamente con i clienti. Il processo di generazione di idee creative viene accelerato, la condivisione delle informazioni viene promossa e più facilmente raggiunta e l’accesso agli “esperti” tramite comunità online è più rapido. Per questi motivi, gli strumenti per la collaborazione social stanno rapidamente diventando un must-have critico per le organizzazioni che vogliono evolvere.


Mentre nuovi strumenti e funzionalità continuano a evolvere nel mondo social, rimarrà fondamentale per le direzioni risorse umane "alzare lo sguardo" da applicazioni e icone che competono per attirare la nostra attenzione. Abbiamo bisogno di tracciare accuratamente il nostro percorso e aver ben presente la nostra destinazione, prima di scegliere i migliori mezzi social per raggiungerla. Scopri le Risorse Umane moderne con Oracle HCM Cloud 

Inseguimi su Twitter: @mhacheb

venerdì gen 11, 2013

Oracle HCM e i Social Media per rafforzare la cultura aziendale, coinvolgere e motivare le persone

Ecco il primo webcast dedicato alle Oracle Fusion Application Human Capital Management in cui si parla di come  i Social Media aiutino a  rafforzare la cultura aziendale, coinvolgere e motivare le persone.

I social network hanno cambiato l’interazione tra le persone e influiscono in modo determinante sul modo di lavorare anche all’interno delle aziende. Alcune ricerche dimostrano quanto l’utilizzo intelligente dei Social Media in ambito lavorativo consenta di ottenere personale più motivato, collaborativo e produttivo e come questo si rifletta in ultima analisi sull’innovazione e sulla crescita.

I processi del Talent Management trovano nei nuovi Social Media un potente strumento per apportare una reale innovazione nel modo di gestire le Risorse Umane.

Le soluzioni Oracle Fusion HCM e Oracle Taleo integrano social network, gruppi di discussione forum, chat , e incoraggiano l’attitudine al lavoro di team ed alla condivisione degli obiettivi.

Clicca qui per vedere il webseminar dove si è parlato di tutto questo

Ma non finisce qui ci sono altri appuntamenti dedicati a Oracle Fusion Applications HCM, clicca qui per vedere il calendario dei prossimi appuntamenti



About

about image


Un blog per essere sempre aggiornati sugli eventi, i prodotti e le soluzioni Apps Oracle Italia


TWLNSLYT


Twitter

Search

Archives
« agosto 2015
lunmarmergiovensabdom
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
      
Today
Bookmarks