giovedì mag 30, 2013

WEBCAST. Strumenti e strategie per una Social Enabled Enterprise - 14 giugno 2013

Non è certo una novità: essere presenti sui social media non è più una possibilità ma una necessità che sta determinando grandi cambiamenti all’interno dei contesti aziendali, spingendo le aziende a ripensare e ristrutturare il modo tradizionale di fare business.

Ma come usare gli strumenti social per trasformare i processi aziendali, migliorare le interazioni con i clienti, i dipendenti, i partner ed gli influencer e rendere tali relazioni proficue?

L’evoluzione di strumenti di Social Relationship Management (SRM) ha reso disponibili funzionalità volte non solo a pubblicare informazioni ai propri fans/followers ma ad agganciare clienti potenziali in modo strategico e centralizzato sui vari canali social.

L’acquisizione di Vitrue, Collective Intellect ed Involver ha permesso ad Oracle di essere l’unica azienda sul mercato a possedere un’offerta di strumenti di SRM integrata con le soluzioni di CRM.

Durante la webcast del prossimo 14 giugno alle ore 12:00 mostreremo Oracle Social Marketing Cloud Service e Oracle Social Engagement and Monitoring Cloud Service con uno specifico approfondimento di:

Oracle Social Marketing per creare, schedulare e pubblicare post ed applicazioni su diversi social media

Oracle Social Engagement and Monitoring per catturare conversazioni rilevanti su brand/prodotti, facendo leva su un motore semantico in grado di supportare il Business User nella definizione corretta dei temi di discussione

Oracle Social Engagement and Monitoring per interagire con clienti e fans

Non perdere questa opportunità il prossimo venerdì 14 giugno 2013 alle 12:00!

lunedì mag 27, 2013

E' uscito il #6 del Customer Concepts Magazine

E' uscito l'ultimo numero del Magazine dedicato alle più innovative tematiche in ambito CRM. In questo numero:

CX leader cercasi!
Scopri le opportunità che hai per distinguerti grazie  ad una straordinaria esperienza cliente
che puoi offrire

Più servizi, meno costi
Soddisfare i clienti senza aumentare costi e sforzi

Vendite più efficace
Gli strumenti necessari alla forza vendita per avere successo

Accedi subito alla nuova edizione e-book del Magazine, tutta in italiano!

Unisciti anche al nostro gruppo i n LinkedIn Customer Concepts Exchange e alla nostra pagina Facebook

venerdì mag 24, 2013

Get Social! Se avete perso l'appuntamento qui tutte le informazioni.

Come preannunciato negli scorsi post apparsi su questo blog, si è svolto lo scorso 21 maggio a Milano l'evento Get Social! Key Strategies for the Social Enabled Enterprise.

Per approfondire la tematica Social Relationship Management, questo è il link

Di seguito, invece, gli interventi di:
Armando Janigro, CRM Business Solutions Strategy Director, Oracle
Pier Fedrizzi, Digital Business Catalyst, Realweb e Giorgio Racca, Partner, TechEdge Group


giovedì mag 16, 2013

Cosa vogliono i consumatori dalla loro Customer Service Experience?

Lo scorso 14 maggio si è svolto a Milano una interessante Networking Meeting dal titolo Oracle Networking Meeting. Cosa vogliono i consumatori dalla loro Customer Service Experience?sul tema della Customer Service Experience.

Durante l'incontro si è evidenziato come l'area in cui le aziende possono ancora differenziarsi veramente è la Customer Service Experience che possono offrire.

Gli atti dell'incontro li potete trovare in fondo al post.

Se volete approfondire maggiormanete il tema della CX e della Service Experience ecco una serie di link:
CX Report
CX secondo Oracle





mercoledì mag 15, 2013

IL VALORE INTANGIBILE DELLE AZIENDE

Il valore oggi delle aziende, e quindi il ritorno dei loro investimenti, è sempre più legato ad aspetti intangibili, che spesso sfuggono ai tradizionali criteri di valutazione e di conseguenza non sono oggetto di valutazione. In altri termini, si sa che ci sono, ma nelle "mappe mentali" del management e del valutare appare la scritta che una volta figurava sui territori inesplorati: "hic sunt leones". Mentre per la valutazione di un marchio sia la prassi che la dottrina hanno messo a punto criteri condivisi, nulla di tutto ciò esiste per gli investimenti nei nuovi canali comunicativi: se ne percepisce l'importanza, ma risulta impossibile o quasi capirne il ritorno.

Attenzione, non si arriverà mai a stabile un diretto rapporto causa effetto in determinati investimenti, in quanto troppo liquidi e soggetti a troppe variabili interne e soprattutto esterne. L'analisi dei big data aziendali ci consentono però di isolare buona parte di quel rumore di fondo che impedisce alle tradizionali chiavi di lettura di isolare ed analizzare il fenomeno.

Il 21 maggio a Milano Oracle, Techedge, Real Web e l’Università di Trento organizzano un evento per parlare proprio di questo: come usare gli strumenti social per trasformare sistemi e processi aziendali per migliorare le interazioni con i clienti e ottimizzare la valutazione dei supporti social rispetto agli obiettivi di business. In sostanza verrà presentata una metodologia definita dall’Università di Trento volta a misurare il ROI di una campagna basata sul Digital Marketing.

Michele Andreaus

Professore di economia aziendale presso l'Università degli Studi di Trento

giovedì mag 09, 2013

La chiave del ROI è nell’integrazione tra Social e CRM

Internet nasce misurabile, ma poi evidenzia una difficoltà intrinseca ad essere misurata.

E’ un’affermazione contraddittoria ma che risiede nella natura stessa della rete che è liquida e da luogo a dati liquidi quindi difficili da monitorare in maniera adeguata, da raccogliere e normalizzare; stiamo parlando di enormi quantità di dati per di più mutevoli.

A una prima difficoltà se ne aggiunge una seconda: gli stessi dati vanno poi trattati con i dati aziendali, perché è nell’azienda che nascono le decisioni e gli stanziamenti delle risorse (non solo finanziarie). Ed è sempre nell’azienda che azioni esterne (marketing) devono (sperabilmente) avere riflessi concreti: ad incominciare dalle vendite per arrivare al “valore” aggiunto che le singole azioni portano all’azienda.

Per la prima volta nella pur “breve” storia di Internet, la tecnologia e il valore fortemente innovativo di taluni strumenti sono in grado di fornire alle aziende soluzioni integrate adeguate per la misurazione delle azioni e delle loro performance.

Nel mondo Oracle, le soluzioni riescono a garantire il controllo dei principali momenti: la fase di ascolto della Rete, il contatto con i clienti, l’allineamento con i dati aziendali, i servizi di pubblicità e marketing, e la misurazione degli stessi.

Il cuore di un nuovo criterio per il calcolo del Roi passa proprio attraverso l’integrazione del Crm, con la piattaforma Srm, le diverse soluzioni Epm, l’efficacia della Bi, fino alle potenzialità dell’eCommerce.

Il controllo combinato delle diverse aree aziendali e dell’efficacia delle azioni di marketing on e off line permette di determinare in maniera innovativa il ritorno degli investimenti. Il Roi si configura così come elemento essenziale per le strategie dell’azienda e come elemento qualificante delle decisioni del management.

Il 21 maggio a Milano Oracle, Techedge, Real Web e l’Università di Trento parleranno proprio di questo: come usare gli strumenti social per trasformare sistemi e processi aziendali per migliorare le interazioni con i clienti e ottimizzare la valutazione dei supporti social rispetto agli obiettivi di business. In sostanza verrà presentata una metodologia definita dall’Università di Trento volta a misurare il ROI di una campagna basata sul Digital Marketing.

Per maggiori informazioni: Silvia Valgoi

Seguici su Twitter: #GetSocial

lunedì mag 06, 2013

Get Social, se l’azienda è Social il Roi è più facile

L’attuale crisi economica ha riproposto in maniera forte nelle aziende la necessità di rivedere i criteri di investimento nei diversi settori. Non che prima, le aziende sbagliassero nell’allocare le proprie risorse, ma semplicemente perché oggi le stesse sono disponibili in maniera minore all’interno delle aziende.

Il marketing - ad esempio - è tra i settori dove maggiormente si sta lavorando per ridefinire strategie e strumenti, con l’obiettivo di coniugare rigore finanziario e risultati.

Da tempo e con sempre maggiore frequenza ritorna un acronimo, tanto stringato quanto complesso: ROI, return on investiment.

Questo acronomico, dal suono quasi onomatopeico, sta cambiando il modo di pensare e decidere dei marketers, sempre più chiamati a misurare le performance delle loro azioni in un’ottica di ottimizzazione di risorse sempre più scarse o controllate.

Le aziende si stanno sempre più orientando sulla misurazione del risultato economico di ogni azione, sia essa rivolta alle vendita, piuttosto che al marketing o all’Ict.

Il marketing, come detto, è tra i settori che con determinazione intende esporre un valore economico (Roi) ad azioni che apparentemente non sempre appaiono essere riconducibili ai criteri economici. Basti pensare al branding, ovvero a tutte quelle attività a sostegno del valore del brand, oppure a difesa della parte corporate delle aziende quotate.

Nel marketing, il settore digitale è in questo momento quello che lamenta i maggiori problemi a garantire delle misurazioni condivise ed accettate all’interno delle aziende. Internet è un ambiente liquido, mutevole e quindi difficilmente misurabile secondo i canoni tradizionali. Eppure Internet ha nella misurabilità  - “tutto può essere visto, tutto può essere tracciato, e quindi misurato” - il carattere genetico che lo differenzia dai media tradizionali: televisione, giornali e radio.

Il 21 maggio a Milano Oracle, Techedge, Real Web e l’Università di Trento parleranno proprio di questo: come usare gli strumenti social per trasformare sistemi e processi aziendali per migliorare le interazioni con i clienti e ottimizzare la valutazione dei supporti social rispetto agli obiettivi di business. In sostanza verrà presentata una metodologia definita dall’Universita’ di Trento volta a misurare il ROI di una campagna basata sul Digital Marketing.

                                                                                   Pier Fedrizzi

                                                                                   Communication Strategist

venerdì mag 03, 2013

Cosa vuol dire Customer Service Experience? Scoprilo il 14 maggio 2013 a Milano

L’85% dei consumatori italiani dichiara che le esperienze avute con i Customer Service sono troppo complesse

Il 62% dei consumatori italiani ha smesso di acquistare un brand dopo una Customer Experience insoddisfacente

E’ del 15% la perdita media di revenue potenzialmente causata da una Customer Experience non consistente, non positiva e non in linea con il brand

Già questi tre dati potrebbero mettere a rischio il tuo business. Tre sono le parole che possono indirizzarti: web, social e mobile.

Partecipa al’Oracle Networking Meetinge scoprirai che l’area in cui le aziende possono ancora veramente differenziarsi è la Customer Service Experience che possono offrire.

Recenti ricerche commissionate da Oracle, infatti, mostrano come i comportamenti di acquisto si siano evoluti e come le aspettative, in un mondo sempre connesso,  stiano aumentando sempre più mettendo le aziende sotto pressione per mantenere una differenziazione sul mercato, competere e vincere.

Come rispondere quindi a questi cambiamenti repentini con una strategia che permetta alle aziende di essere sempre connesse con  i propri clienti offrendo loro una Customer Service Experience eccellente?

Partecipa e lo scoprirai!

Una demo interattiva di Oracle RighNow Cloud Services concluderà l’appuntamento.

Per partecipare: http://bit.ly/ZXYRF

About

about image


Un blog per essere sempre aggiornati sugli eventi, i prodotti e le soluzioni Apps Oracle Italia


TWLNSLYT


Twitter

Search

Archives
« maggio 2013 »
lunmarmergiovensabdom
  
1
2
4
5
7
8
10
11
12
13
14
17
18
19
20
21
22
25
26
28
29
31
  
       
Today
Bookmarks