X
  • July 15, 2020

La strategia cloud di Oracle nei nuovi annunci di Larry Ellison

Simona Menghini
Communications Director, Italy

Quando prende la parola Larry Ellison, fondatore, chairman e CTO di Oracle, si tratta di solito di grandi annunci strategici. Questa volta, in una diretta streaming ai primi di luglio, ha reso note a livello mondiale la disponibilità di Oracle Dedicated Region Cloud@Customer e la disponibilità di Oracle Autonomous Database su Exadata Cloud @ Customer. 

(Qui il video andato "live" di Larry Ellison che riassume questi due grandi lanci di Oracle)

La prima è una regione cloud completamente gestita che porta TUTTI i servizi cloud di seconda generazione di Oracle nel datacenter del cliente, a partire da un impegno di soli 500.000 dollari al mese per tre anni, con un modello di pagamentto a consumo (pay-per-use). Si tratta di una soluzione unica, progettata da Oracle per le aziende che devono mantenere alcune applicazioni in sede per la residenza dei dati o per requisiti di latenza stringenti, mentre possono utilizzare il cloud pubblico per tutto il resto. Vale la pena, anzitutto, di ricordare il percorso di Oracle nella costruzione di un “cloud di seconda generazione”, perchè è proprio questo che continua a far evolvere l'offerta Cloud@Customer di Oracle.  

Le imprese hanno trovato costoso e difficile passare a un'infrastruttura cloud di prima generazione a causa dello squilibrio intrinseco tra le architetture applicative tradizionali e l'architettura cloud: ci sono carichi di lavoro che non possono passare al cloud pubblico, e dunque le aziende hanno accesso solo a un piccolo sottoinsieme di servizi cloud on-premise, spesso con un insieme limitato di funzionalità e capacità rispetto a quanto è disponibile nel cloud pubblico.  Per questo motivo abbiamo sviluppato Oracle Cloud Infrastructure (OCI) – un’infrastruttura cloud di seconda generazione che continua a offrire i vantaggi del cloud di prima generazione (self-service, facilità d'uso, scalabilità, provisioning just-in- time), ma consente al contempo di far girare i carichi di lavoro più complessi e impegnativi un'infrastruttura cloud ai più alti livelli di sicurezza del settore, e con un rapporto prezzo/prestazioni a oggi ineguagliato. 

A quel punto, alcuni grandi clienti che non potevano spostare alcuni carichi di lavoro sul cloud pubblico ci hanno richiesto che l'infrastruttura cloud di seconda generazione di Oracle venisse fornita in loco. 
Così, a partire dal 2019, abbiamo reso disponibile la soluzione “Exadata Cloud@Customer Gen 2”, portando le eccezionali prestazioni e l'affidabilità del sistema ingegnerizzato hw + sw di Oracle, la Exadata “Database Machine”. come servizio gestito da Oracle direttamente nel datacenter del cliente. Grandi banche, fornitori di servizi sanitari, compagnie assicurative e farmaceutiche (per citare alcuni settori) sono state in grado di modernizzare la loro infrastruttura dati utilizzando un modello OPEX, ridurre i costi di manutenzione e il TCO anche del -47%, il tutto mantenendo i dati in locale, per conformarsi alle normative e alle policy interne.

Fornire un singolo servizio di alto valore come Exadata o servizi selezionati (come il calcolo e l'archiviazione) non è però sufficiente alla maggior parte delle grandi imprese. Molti clienti, soddisfatti della nostra offerta Exadata Gen 2 Cloud@Customer, ci hanno chiesto di avere l'esperienza completa del cloud pubblico on-premise, per aiutarli a consolidare intere applicazioni su infrastrutture cloud di seconda generazione, con l'accesso on-premise a TUTTI i moderni servizi cloud in modo da poter innovare al ritmo dell'innovazione Oracle.

Un'osservazione chiave, durante la costruzione del nostro cloud di seconda generazione, è stata che i clienti sono disposti ad adottare nuove tecnologie quando hanno il controllo e la flessibilità necessari per ridurre i rischi. Portando i moderni servizi cloud on-premise, i clienti possono far funzionare le applicazioni legacy in modo efficace e dare a molte applicazioni le migliori possibilità di essere aggiornate in modo incrementale, in modalità pay-for-what-you-use, con le stesse garanzie e gli stessi SLA del cloud pubblico.

Oracle Dedicated Region Cloud@Customer porta TUTTI i servizi cloud di seconda generazione di Oracle on-premise, a partire da un impegno basato sul consumo di soli 500K$/mese.

Con Oracle Dedicated Region Cloud@Customer i clienti mantengono il controllo della sicurezza dei dati e della sicurezza fisica e ottengono nuove funzionalità e aggiornamenti di sicurezza nel momento in cui vengono resi disponibili nelle regioni cloud pubbliche Oracle. Inoltre Oracle Dedicated Region Cloud@Customer è certificata per eseguire senza problemi i prodotti Oracle SaaS come ERP e Financials, HCM, & SCM, rendendolo l'unico prodotto ad offrire un'esperienza cloud completamente integrata per i software IaaS, PaaS e SaaS on-premise.

Con centinaia di implementazioni Exadata Gen 2 Cloud@Customer di successo, i clienti ci hanno progressivamente richiesto un maggior numero di infrastrutture cloud di seconda generazione Oracle on-premise. E ci hanno detto che altri fornitori di cloud non sono riusciti a soddisfare le loro aspettative. Con AWS e Azure, ad esempio, hanno accesso a un numero limitato di servizi cloud on-premise, spesso con capacità molto ridotte rispetto a quelle disponibili nel loro cloud pubblico.

Oracle Dedicated Region Cloud@Customer consente ad esempio ai clienti del settore pubblico – per cui  archiviare ed elaborare in modo sicuro i dati nel cloud pubblico (specie se basato non nel proprio Paese)  non sarebbe un'opzione percorribile - di gestire un intero portafoglio IT su un'infrastruttura cloud a singolo locatario con controllo fisico dell'infrastruttura e dei dati per contribuire a soddisfare i requisiti più esigenti in termini di sovranità/residenza dei dati. 

L’altro grande annuncio che Larry Ellison ha fatto è stato quello della disponibilità di Oracle Autonomous Database su Exadata Cloud@Customer, che porta le funzionalità di autogestione, autoprotezione e autoriparazione di Oracle Autonomous Database ai clienti Exadata Cloud@Customer. Oggi è disponibile sia tramite Oracle Dedicated Region Cloud@Customer, sia come offerta a sé stante, che può essere acquistata solo per Exadata Cloud@Customer. Le aziende possono ora portare le funzionalità pionieristiche di Autonomous Database a carichi di lavoro in locale, che non possono passare al cloud pubblico per motivi normativi e di latenza. Con questa soluzione abbiamo reso disponibili le capacità di database più avanzate (potenziate da AI e ML e frutto di 40 anni di esperienza Oracle nella costruzione e gestione di database per le applicazioni più difficili e complesse)  che vanno sotto il nome di “Autonomous Database” con le prestazioni e l'affidabilità leader di settore di Exadata, ma come servizio gestito nel datacenter del cliente.

Oracle Autonomous Database su Exadata Cloud@Customer consente, tra l’altro, il provisioning autonomo e la manutenzione non solo dell'infrastruttura ma anche del livello di gestione dei dati - consentendo ai team IT  aziendali di spostare la loro attenzione dalla pura gestione dei dati alla “estrazione di valore” dai dati memorizzati nei sistemi gestiti da Oracle.

Ecco alcuni dei principali vantaggi che si possono ottenere utilizzando Oracle Autonomous Database su Oracle Exadata Cloud@Customer:

1.    Autonomous Database su Exadata Cloud@Customer offre un servizio cloud (pay-per-use, elasticità e modello operativo cloud) on-premise per aiutare i clienti a soddisfare i requisiti più esigenti in termini di residenza dei dati, privacy e latenza.

2.    La scalabilità dinamica delle risorse database, sia verso l'alto che verso il basso, in base alle richieste di carico di lavoro in tempo reale, combinata con la tariffazione del consumo al secondo, allinea i costi ai requisiti del carico di lavoro e riduce il TCO, da oggi anche in ambiente Exadata Cloud @ Customer 

3.    I clienti possono consolidare un maggior numero di database e raggiungere una dimensione totale di database gestiti  fino a 7 volte superiore e farli funzionare 25 volte più velocemente della media dei servizi cloud erogati on-premise dalla concorrenza 

4.    Ricercatori indipendenti hanno scoperto che Exadata Cloud at Customer offre un ROI del 256% e un break-even a sei mesi. I ricercatori hanno anche scoperto che Exadata Cloud at Customer aiuta le aziende ad accelerare il time-to-market del +40% e a ridurre il TCO del -47%.

5.    Riduce i costi di gestione dell'infrastruttura dei clienti fino al -80% e i costi di gestione dei database fino al -90%, perché i clienti devono concentrarsi solo su come utilizzare i dati all'interno dei loro database, e non sulla gestione dell'infrastruttura dei database.

Qui il video registrato dal "live" di Larry Ellison, che in circa mezz'ora riassume questi grandi annunci.
 

Be the first to comment

Comments ( 0 )
Please enter your name.Please provide a valid email address.Please enter a comment.CAPTCHA challenge response provided was incorrect. Please try again.