X
  • Cloud
    February 29, 2016

Perché l’engagement dei dipendenti è alla base della crescita delle aziende


Non è semplice dare una definizione corretta in italiano di “engagement”, soprattutto quando si parla del r
apporto tra le aziende e i propri dipendenti. Si tratta di una dinamica in cui confluiscono la capacità da parte dei quadri di saper mantenere vivo l’entusiasmo delle persone in modo da ottenere, in cambio, l’impegno e la fedeltà nel tempo, e di conseguenza riuscire a mantenere il know how all’interno dell’organizzazione. Ma, aldilà della sua traduzione, esistono gli strumenti per misurare l’engagement dei dipendenti?




Partiamo dal presupposto che saper attrarre e conservare i talenti non è mai stato così importante e complesso come oggi. Le competenze sono diventate molto rare nel mercato del lavoro, tanto che si è ribaltato il rapporto con i datori: è il personale a valutare se l’ambiente è inferiore alle aspettative.


Una ricerca Oracle conferma che secondo gli imprenditori una forza lavoro “engaged” è un fattore di successo che va a migliorare la collaborazione, l’efficienza operativa, le prestazioni del business fino ai servizi ai clienti. In cambio, se i dipendenti si sentono legati all’azienda sono consapevoli di essere più produttivi e meno propensi a cercare lavoro altrove.


Il problema, per le aziende, è quindi come valutare questo grado di legame che i dipendenti riconoscono per il loro lavoro e capire se le iniziative prese per coinvolgere il personale danno i loro frutti. Secondo la stessa ricerca di Oracle infatti più di due terzi degli intervistati si basa ancora su indagini a lungo termine e piuttosto superficiali. Questo comporta la difficoltà di quantificare il ritorno sugli investimenti delle strategie di engagement e, conseguentemente, di comprenderne il valore.


Abituati a ottenere feedback immediati su tutti i fronti, anche in ambito Risorse Umane c’è bisogno di un modo più accurato ma veloce per monitorare l’umore della forza lavoro e un approccio proattivo all’interazione tra le parti. Utilizzando tecnologie di analisi dei dati e dei feedback dei dipendenti, mettendo in relazione dati come questi a quelli di vendita e ai tassi di produttività, le HR potranno essere tra i principali protagonisti per aiutare le aziende a conservare i loro beni più preziosi: le persone.

Il post è tratto da un articolo di Melanie Hache-Barrois, HCM Strategy Director Southern Europe di Oracle, ed è disponibile qui.

Be the first to comment

Comments ( 0 )
Please enter your name.Please provide a valid email address.Please enter a comment.CAPTCHA challenge response provided was incorrect. Please try again.