venerdì lug 11, 2008

OpenDS: un server LDAP open source in Java

E' disponibile la versione 1.0.0 di OpenDS, un server LDAPv3 compliant completamente scritto in Java e distribuito in modalità open source.

La distribuzione è diretta per gli sviluppatori, per cui se si vogliono fare test prestazionali o installazioni in ambienti scalabili, conviene dare un'occhiata alle linee guida di tuning.

Per maggiori informazioni è disponibile la roadmap e la documentazione della versione 1.0.

mercoledì mag 28, 2008

Spacchettamento Sun SPOT Java Development Kit

Nell'attesa di fare qualche test più approfondito, ecco le foto dello spacchettamento ("unpacking") del Sun SPOT Java Development Kit:

 


 


 


 

mercoledì mag 21, 2008

Una demo di Java Real-Time

Ecco una demo, tratta dalla recente conferenza JavaOne 2008, di una possibile "applicazione" di Java Real-Time:

giovedì apr 24, 2008

Sun SPOT Video dai Sun Labs

Questa è la registrazione della presentazione del progetto Sun SPOT svoltasi durante il Sun Labs Open House. Se siete interessati queste sono le indicazioni per scaricare l'emulatore. La durata è circa 1h30', ma ne consiglio comunque la visione in quanto il video è ricco di informazioni interessanti:

venerdì apr 11, 2008

E' disponibile JRuby 1.1

 

JRuby 1.1 è la nuova release del progetto che ha creato un ambiente compatibile con il linguaggio Ruby basato sulla piattaforma Java. Oltre agli evidenti vantaggi di portabilità, JRuby si sta dimostrando in vari ambiti molto più performante di Ruby 1.8.6 e talvolta anche della 1.9.

Per sviluppare con il linguaggio Ruby è possibile utilizzare NetBeans, che può utilizzare come motore sia l'implementazione "nativa" che JRuby.

La presenza del Semantic Web alla JavaOne 2008

Java è sempre stata una delle piattaforme di sviluppo più utilizzate in ambito Semantic Web

E quest'anno ci saranno 3 interventi alla prossima JavaOne su questo argomento:

  • Developing Semantic Web Applications on the Java Platform
  • Beatnik: Building an Open Social Network Browser
  • Semantic Web for the Working Ontologist

Maggiori informazioni sul blog BabelFish.

lunedì mar 31, 2008

Aggiungere la voce a Java Enterprise Edition con SIP

Ecco un'ottima introduzione al protocollo SIP e a come utilizzare il progetto SailFin (ci sono anche il wiki ed il blog), un SIP Servlet Container che estende l'Application Server GlassFish per integrare le applicazioni Java con il mondo della telefonia.

La sintassi di SIP è molto simile a quella dell'HTTP e ciò permette di adttare in modo semplice il concetto di Servlet per questo protocollo. Per maggiori informazioni sulle SIP Servlet vedere i JSR 116 e 289. L'ambiente SailFin è stato inoltre integrato nell'ambiente di sviluppo NetBeans con la release 6.1 (ad oggi in beta).

La tecnologia che è stata utilizzata nel progetto SailFin è stata donata alla comunità open source da Ericsson.

domenica ott 21, 2007

Minority Report in Java con Sun SPOT e Looking Glass

Ecco una guida per implementare un'interfaccia grafica 3D simile a quella usata nel film Minority Report (tratto da un racconto di Philip K.Dick) usando al 100% il linguaggio Java. Come desktop 3D è utilizzato il progetto Looking Glass, l'interfaccia per la mano è realizzata con un device Sun SPOT (questa è una breve introduzione, se siete interessati e vivete fuori dagli USA potete verificarne la disponibilità qui). I video sono presentati dalla technology evangelist Angela Caicedo.

 Meet the Sun SPOT
Una introduzione ai device Sun SPOT 

Mixing VR input and a Sun SPOT
Come costruire l'interfaccia per la mano 

Minority Report interface with Sun SPOT
Una dimostrazione pratica con Looking Glass

giovedì ott 04, 2007

Una soluzione di Enterprise Service Bus completa ed open source

Come mostrato la scorsa settimana ai Sun Tech Days di Roma e Milano vi è grosso interesse per creare una piattaforma completa ed open source per il disegno e l'implementazione di un Enterprise Service Bus (ESB).

I prodotti cardine della piattaforma sono:

  • NetBeans, l'ambiente di sviluppo grafico
  • GlassFish, l'Application Server Java Enterprise Edition (altre info qui)
  • Open ESB, il bus di integrazione

La versione completa di NetBeans 6.0 (ad oggi in beta, la versione finale è attesa per fine novembre) include già tutto il necessario per testare l'editor visuale BPEL e le altre funzionalità. Alcuni esempi di utilizzo del tool in ambito SOA si possono trovare qui:

 

La comunità open source ha inoltre reso disponibili una serie di connettori per gli ambienti più disparati (come CICS, CORBA, DCOM , ecc.):

venerdì set 21, 2007

Un confronto tra NetBeans ed Eclipse

Ecco un interessante confronto tra gli ambienti di sviluppo Netbeans, che si avvicina alla release 6, ed Eclipse. Nonostante l'autore sia non solo un utente, ma un autore di libri su Eclipse, il consiglio è di tenere in considerazione Netbeans per tutti quegli sviluppi che non solo Java Standard Edition (SE), ma sono focalizzati o hanno componenti sulle piattaforme Mobile o Enterprise, come è il caso per i sistemi "Web 2.0" e le applicazioni per i telefoni cellulari.

GlassFish v2 (aka SJS Application Server 9.1)

E' disponibile GlassFish v2 (aka SJS Application Server 9.1), la nuova versione dell'application server di riferimento per la piattaforma Java Enterprise Edition (EE).

Alcune tra le nuove funzionalità :

  • Clustering ed alta affidabilita (HA), sia attraverso repliche dei dati in memoria tra i nodi che tramite HADB
  • Performance ai vertici del benchmark di mercato SPECjAppServer2004
  • Migliori performance per i Web Service con il framework Metro
  • Interoperabilità con l'ambiente .Net (ad esempio un foglio di calcolo Excel può avere delle celle il cui contenuto è aggiornato dinamicamente a partire da un server GlassFish)
  • Supporto per l'ambiente di sviluppo NetBeans (sia la versione 5.5.1 che la 6 ad oggi in beta), ma anche per Eclipse 3.3, MyEclipse, IDEA, ecc.
  • Supporto per tecnologie AJAX nel Web Tier (jMaki e JSF)
  • Supporto per linguaggi e ambienti di scripting come jRuby e Phobos
  • Console e amministrazione centralizzata
  • ...

Con GlassFish non si deve scegliere tra software open source e di classe enterprise: sono disponibili tutte e due le versioni!

giovedì gen 18, 2007

Monitorare Java con DTrace

Con la disponibilità di Java SE 6 (JDK 6) è possibile monitorare il comportamento delle applicazioni Java utilizzando i provider DTrace hotspot e hotspot_jni, il primo focalizzato sul monitoraggio della HotSpot Java Virtual Machine (JVM), il secondo delle chiamate Java Native Interface (JNI). Inoltre è stata introdotta in DTrace l'azione jstack che permette di stampare uno stack completo per le applicazioni Java.

Con la distribuzione del JDK 6 si trovano alcuni D script di esempio nella directory:

  • $JAVA_HOME/sample/dtrace/hotspot/

Sul mio portatile (con Solaris 10 11/06) si può provare uno degli script con il comando (vado a capo a causa della lunghezza):

# /usr/jdk/instances/jdk1.6.0/sample/dtrace/hotspot/method_invocation_stat.d -c \\
"java UnFilePuntoClass"

[Read More]

giovedì apr 06, 2006

Armonizzare OSS/J & TMF MTMN/MTOSI

Per armonizzare le iniziative OSS/J e MTNM/MTOSI del TeleManagement Forum (TMF) è stato creato un progetto in modalità opensource sul sito Service and Business Management - OSS/J per la definizione delle estesioni al modello Core Business Entity per incorporare il modello informativo del MTNM: le OSS/J CBE MTNM Extensions.

Una rapida introduzione all'iniziativa OSS/J si può trovare qui. Sono di seguito introdotte le iniziative TMF MTOSI e MTNM.

Lo standard MTOSI (Multi-Technology Operations System Interface) intende fornire i seguenti vantaggi:

  • fornire interfacce aperte tra i sistemi OSS per una più semplice integrazione di prodotti provenienti da differenti fornitori, con una riduzione dei tempi e dei costi richiesti

  • incoraggiare i System Integrator a pre-integrare differenti sistemi OSS per creare soluzioni prima che arrivino le richieste dai Clienti finali (i Service Provider)

Come modello informativo MTOSI si basa su un'altra iniziativa del TMF, il progetto MTNM (Multi-Technology Network Management). L'obiettivo di tale progetto è di creare una interfaccia basata su UML tra il Network Management Layer (NML) e l'Element Management Layer (EML). In particolare l'MTNM è focalizzato sulla gestione di reti di tipo ATM, Frame Relay, SONET/SDH, DSL ed Ethernet.

Le interfacce tra NML e EML sono state prese in considerazione a partire da scenari di business che vanno dal provisioning delle connessioni fino alla raccolta di informazioni per l'inventory.

Il valore aggiunto dall'armonizzare le iniziative OSS/J con MTNM e MTOSI è che in tale modo gli effort di integrazione in ambito OSS sono ulteriormente ridotti in quanto è ridotto il gap tra le API OSS/J e le tecnologie utilizzate nelle effettive implementazioni. Difatti le API OSS/J sono indipendenti dalle tecnologie di rete per definizione: l'iniziativa OSS/J indica delle API che ricoprono delle funzionalità OSS, ciascuna con un insieme generico di operazioni supportate, senza entrare nel merito delle tecnologie di rete utilizzate.

La presentazione Bridging the GAP - CBE Extensions for MTNM illustra come OSS/J CBE ed il Data Model MTNM sono utilizzate assieme per ridurre il gap per le tecnologie di trasporto.

La white paper Bridging the GAP - CBE Extensions for MTNM:Harmonizing OSS/J and Transport technologies fornisce invece una introduzione ad alto livello di MTNM e CBE, descrivendo quali sono i problemi in essere per l'armonizzazione delle due tecnologie e come tali problemi sono affrontati. Il documento si chiude infatti con un case study che presenta una possibile applicazione pratica.

Le estensioni OSS/J CBE MTNM complementano a loro volta il lavoro effettuato dal gruppo MTOSI. La presentazione Bridging the Gap between MTOSI and OSS/J, presentata all'evento TeleManagement World 2005 a Dallas, indica lo stato dell'arte in questo ambito e propone i passi successivi per una maggiore sinergia tra le due iniziative.

mercoledì mar 01, 2006

Una introduzione all'iniziativa OSS/J

L'iniziativa OSS through Java (OSS/J per brevità), nata nel 2000, promuove la creazione ed il consolidamento di standard nell'ambito dell'integrazione dei sistemi OSS (Operations Support Systems) degli operatori delle telecomunicazioni, con un focus specifico per le reti Wireless ed i servizi IP/Internet.

Creando una cooperazione tra Network Equipment Provider (NEP), Independent Software Vendor (ISV) e System Integrator (SI), l'iniziativa semplifica l'introduzione di nuovi servizi end-to-end, utilizzando i benefici tecnologici della piattaforma Java (in particolare dell'Enteprise Edition), del linguaggio XML e dei Web Services.

Per definire le priorità dell'iniziativa è stato creato nel 2004 un Service Provider Advisory Council cui aderiscono, tra gli altri, British Telecom e Vodafone. Sono inoltre presenti come membri dell'iniziativa la maggior parte degli attori coinvolti nella catena del valore del mondo OSS.

Sempre nel 2004 il TeleManagement Forum ha iniziato un lavoro congiunto con l'iniziativa OSS/J per allinearla al framework Next Generation OSS (NGOSS) ed in particolare alla componente Shared Information/Data (SID) model, tramite l'utilizzo di un modello informativo basato su Core Business Entitities.

Le linee guida per il disegno di componenti OSS/J definiscono come applicare il framework Java Enterprise Edition alla gestione dei sistemi di telecomunicazione, utilizzando un approccio basato su pattern di programmazione che semplifica tutto il ciclo di vita del software ed in particolare la sua manutenzione.

Applicando tali linee guida sono state definite delle interfacce applicative per ambiti specifici (ad esempio trouble Ticketing, Service Activation, IP Billing/Mediation) tramite il Java Community Process. Tali specifiche si basano inoltre sul lavoro degli altri enti di standardizzazione in tale area:

Ad oggi le interfacce applicative (API) per cui è stata finalizzata una specifica, una implementazione di riferimento ed una suite di test sono:

Inoltre sul sito java.net si trova la comunità Service and Business Management - OSS/J che promuove lo sviluppo collaborativo di progetti opensource che utilizzano la tecnologia OSS/J.

Riassumento, gli obiettivi dell'iniziativa OSS/J sono:

  • Creare un mercato di soluzioni OSS basato su componenti facilmente integrabili tra loro.
  • Sviluppare, tramite il Java Community Process (JCP), per gli ambiti concordati tra i membri dell'iniziativa ed il Service Provider Advisory Council, le specifiche per le interfacce applicative, l'implementazioni di riferimento e la suite di test
  • Promuovere la piattaforma Java Enterprise Edition come la tecnologica abilitante per lo sviluppo di applicazioni OSS.

Per ulteriori informazioni:

About

Un diario digitale sui miei interessi: Internet, Solaris, Java, Fotografia, ecc.

Search

Categories
Archives
« aprile 2014
lunmarmergiovensabdom
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
    
       
Today